Tutte le novità e gli eventi di Norcia, per chi ci vive e per i turisti. Alcuni appuntamenti tradizionali sono imperdibili: i Faoni del 9 dicembre, la Sagra del Tartufo, Pasqua e Pasquetta e poi il ricco calendario dell’Estate Nursina.

Campi fioriti castelluccio

Fioritura dell’altipiano di Castelluccio

Tra fine maggio e la metà di luglio, l’altopiano di Castelluccio è testimone di un evento di particolare importanza, la Fioritura.

Per diverse settimane la monotonia cromatica del pascolo, viene spezzata da un mosaico di colori, con variazioni di toni che vanno dal giallo ocra al rosso.

Anche se la festa della Fioritura ricade, solitamente, nella terza e nell’ ultima domenica di Giugno, non esiste un preciso giorno per ammirare questo incantevole spettacolo. Ogni anno tutto è affidato all’andamento climatico della stagione.

Le specie floreali che tingono il Pian Grande e il Pian Perduto in questo periodo, sono innumerevoli, camminando lungo i sentieri possiamo incontrare: genzianelle, narcisi, violette, papaveri, ranuncoli, asfodeli, viola Eugeniae, trifogli, acetoselle e tant’altro.

La Fioritura è in anticipo? …è in ritardo? …quando ci sarà?

Non si può fare alcuna previsione sui tempi della Fioritura dei Piani di Castelluccio.

Fonte: Castelluccio_Fioritura

L’associazione “Pro Loco Norcia” ricorda che è aperto il tesseramento e cerca nuovi soci

La Pro Loco cerca nuovi associati e ricorda che è aperto il tesseramento per l’anno 2021.

Cerchiamo persone che abbiano voglia di mettersi in gioco per animare la vita della cittadina e promuoverne usi e tradizioni.

Le nostre attività sono rivolte a TUTTI e si pongono l’obiettivo, oltre che di coinvolgere gli abitanti di Norcia e delle sue frazioni, di richiamare i turisti ed il pubblico più vasto, creando iniziative turistico-culturali, enogastronomiche, di solidarietà, spettacoli, rievocazioni delle tradizioni, sempre in collaborazione con la cittadinanza, gli Enti, Istituzioni ed associazioni del territorio.

Vogliamo augurarci che questa campagna Soci contribuisca ad accrescere il già consistente numero di tesserati, attirare i cittadini di Norcia e delle frazioni, le tante associazioni presenti nel territorio, i giovani affinché portino forze nuove, nuove idee e grande entusiasmo in questa nostra grande Famiglia.

In questo momento, le restrizioni dettate dal Covid-19 impongono una attenta riflessione e lasciano il tempo per una riorganizzazione delle attività di ciascuno di noi e questo periodo di forzata inattività “pubblica” vorremmo utilizzarlo proprio per mettere in campo tanti progetti, pianificarli e programmarli nell’obiettivo della promozione e valorizzazione del territorio.

Ogni anno la Pro Loco cerca, attraverso l’aiuto dei suoi preziosi volontari, di migliorare le manifestazioni ricorrenti e allo stesso tempo di portare novità e nuovi interessanti spunti.

Le idee sono tante  ma si potranno realizzare sanche con l’aiuto che ci perverrà dal  TESSERAMENTO dei soci. Per questo anche il tuo fattivo contributo è indispensabile!

La tessera prevede, per i sottoscrittori, notevoli benefici attraverso le convenzioni stipulate a livello nazionale, consultabili sul sito www.unpli.info.

Essere soci della “Pro Loco Norcia” vuol dire, prima di tutto, sostenere le nostre iniziative, ma anche far parte di un’importante associazione di volontariato, senza alcun fine di lucro, impegnata in molteplici attività attente alla salvaguardia dei valori umani, al rispetto del grande patrimonio artistico e culturale della nostra città, che contribuisce a mantenere vivo, rinnovandone le usanze e le tradizioni del passato.

Ti aspettiamo!

Il Consiglio Direttivo

 

 

Lions Club e UNPLI, una raccolta fondi per l’acquisto di ecografi palmari in Valnerina

Il Club Lions Valnerina e il Comitato Locale UNPLI Valnerina, sono impegnati per coinvolgere tutte le Comunità della valle nell’obiettivo di avviare una raccolta fondi da destinare all’acquisto di 2 ecografi palmari per le ambulanze in servizio in Valnerina.

Una donazione libera e volontaria che permetterà l’acquisto delle suddette importanti attrezzature necessarie per individuare o escludere, già nella casa del paziente, l’eventuale presenza di polmonite interstiziale.  Tutti possono contribuire, secondo le proprie possibilità, per aiutare a sostenere, in questo difficile momento, la battaglia che il nostro sistema sanitario sta combattendo per la nostra SALUTE e per far sentire a chi è in trincea, ogni giorno, la nostra gratitudine e il nostro sostegno.

L’obiettivo è quello di raggiungere il traguardo di almeno 13,500 €.

PER VERSAMENTI (causale acquisto ecografi palmari):

Lions Club Valnerina
IBAN IT31X0306938580100000000270 – Banca Intesa

oppure

Comitato Locale Unpli Valnerina
IBAN IT07F0344038330000000189000 – Banco Desio

 

Il comunicato ufficiale dell’iniziativa

Auguri di Buone Feste 2020

Un messaggio di auguri da parte di tutto lo staff della Pro Loco Norcia, nella speranza che il 2021 sia un anno sereno per tutti!

8 dicembre 2020, l’inaugurazione del Presepe della Pro Loco Norcia

In concomitanza delle feste natalizie, la Pro Loco Norcia, grazie all’aiuto di numerosi volontari, che cogliamo volentieri l’occasione per ringraziare pubblicamente, ha allestito presso la sede di Via Circonvallazione il tradizionale Presepe che sarà illuminato, così come vuole la tradizione, a partire dalla sera dell’8 dicembre.

Siccome, a causa delle restrizioni imposte dal Covid-19, la sede è temporaneamente chiusa al pubblico, l’installazione è realizzata all’interno della struttura ma sarà completamente visibile anche dall’esterno.

E’ un piccolo gesto che, dopo il rinnovo delle cariche sociali, vuole rappresentare la forte volontà di guardare avanti che anima la nostra associazione. Riprendere ora, ci pare anche un augurio di rinascita, ed il presepe ne è proprio uno dei simboli: un buon auspicio per il futuro.

L’obiettivo è quello di trasmettere importanti segnali di vitalità e tenacia da parte della nostra gente; per raggiungerlo, c’è bisogno della collaborazione di chiunque abbia a cuore il bene della nostra città e del nostro territorio. Soprattutto in questo momento di grande difficoltà, diamoci da fare per provare a rialzarci. La Pro Loco è di tutti e, quindi, anche la tua. Le nostre porte sono aperte alla collaborazione di chiunque.

Noi ce la metteremo tutta, DIAMOCI UNA MANO!

Buon Natale a tutti voi ed alle vostre famiglie.

Covid-19 in Umbria, tutte le regole della zona arancione

Dall’11 novembre l’Umbria è stata dichiarata zona arancione. Sono scattate, quindi, nuove limitazioni finalizzate a contenere il contagio legato alla pandemia da Covid-19. Ovviamente, tali restrizioni riguardano anche il territorio del Comune di Norcia.

Umbria zona arancione

Natale e Capodanno a Norcia, tutte le tradizioni

L’Umbria ha un’antica ed importante tradizione storica, folkloristica, religiosa ed artistica legata al Natale. Tra dicembre e gennaio sono tantissime le iniziative e gli eventi in tutta la regione. Non fa eccezione Norcia, dove a Natale, a Capodanno e alla Befana, la città si accende del suo spirito più vero e intenso.

Norcia tra Natale, Capodanno e lEpifania: tradizioni sotto l’albero

Dai “Faoni” alle Pasquarelle passando per il gustoso torciglione. Il Natale, il Capodanno e lEpifania, a Norcia, sono sinonimo di feste, canti e dolci tipici. Un’occasione unica per ritrovarsi in piazza o a casa di amici e parenti e vivere insieme tradizioni antiche ed eventi contemporanei. Qui di seguito vogliamo proporvi un piccolo viaggio alla scoperta dei riti natalizi più antichi della nostra terra. Appuntamenti che attraversano i secoli e si tramandano di padre in figlio. Accanto a questi, un ricco programma di iniziative promosse dai volontari della Pro Loco.

Scopri tutte le tradizioni di Norcia

In attesa del Natale: “Li Fauni” o “Festa delle Campane”

Le iniziative natalizie di Norcia sono inaugurate dalla tradizione de “Li Fauni” o “Festa delle Campane”. La sera tra il 9 e il 10 dicembre tutta la città e le frazioni sono illuminate da pire di ginepro infuocate. Grandi falò, alti anche 10 metri, che illuminano la notte, circondati da un banchetto semplice ma genuino, a base di salsicce e vino caldo. Simboli e riti, forze della natura e buona volontà si esaltano in questa notte tipica della terra nursina.

Nel borgo nursino, nonostante il trascorrere degli anni, il senso della tradizione è ancora forte e lo si percepisce nelle strade e negli abitanti già da molti giorni prima. Ognuna delle sette guaite (praticamente i rioni), uno per ogni porta muraria, si dà dei rappresentanti che possano, per entusiasmo e capacità, dar vita ai Faoni. La gara è tra chi carica di più il camion, tra chi fa il Faone più grande, tra chi riesce a creare il fuoco più bello o il banchetto più ricco.

Nelle piazze tipiche del centro storico di Norcia, gruppi di appassionati si riuniscono per ammucchiare tutta la ginestra intorno ad un altissimo palo di legno, che sostiene il Faone durante il suo bruciare. Questi grandi e suggestivi falò sono animati dagli stornelli degli organetti e dall’allegria spensierata persone degli avventori, intorno a qualche inebriante bicchiere di vin brulé, dolci e carne alla brace.

La tradizione cristiana dei Faoni

Intorno ai Faoni, si attende così tutti insieme la mezzanotte, ora in cui tutte le campane della città annunciano il passaggio della Santa Casa della Madonna di Loreto. Il senso della tradizione, infatti, sta proprio qui. I fuochi vengono accesi per ricordare ed illuminare il cammino degli angeli che, nel lontano 9 dicembre 1291, essendo la Palestina occupata dagli infedeli, portarono in salvo la casa della Vergine, spostandola miracolosamente fino ad un bosco di lauri, oggi Loreto. Gli elementi spirituali sono marcati. Le pire infuocate, ad esempio, simboleggiano l’amore che scende su Maria e sugli Apostoli nel cenacolo, trasformando i discepoli in predicatori coraggiosi e capaci di farsi capire da persone provenienti da vari paesi.

Le origini contadine

Questa è la versione “cristiana” della tradizione dei Faoni, ma le sue origini, in realtà, sono molto più antiche e affondano le radici nel mondo agricolo e rurale. All’inizio di dicembre, infatti, si va verso i giorni più corti dell’anno e i contadini dovevano scongiurare che il buio avesse il sopravvento sulla luce, la notte sul giorno, il gelo sul caldo. Per questo combattevano le notti più lunghe dell’anno con grandi fuochi.  C’è poi l’elemento dell’arcano: il fuoco non ha solo effetti distruttivi, ma anche purificativi.

Tra Natale e lEpifania: la tradizione delle Pasquarelle

 All’inizio dell’anno nuovo, una delle manifestazioni più vivaci e colorate è senza dubbio quella delle “Pasquarelle”, i canti in dialetto nursino, a suon di organetti, tamburelli e triangoli. I “Pasquarellari”, andando di casa in casa, annunciano la nascita del Messia. Il loro gradevole suono invade le strade del centro storico nel periodo tra Natale e la Befana. La tradizione della Pasquarella, che a Norcia si rinnova ogni anno con la composizione di nuovi testi legati all’attualità, rimanda alla tradizione religiosa dell’Epifania, ossia all’annunciazione di Cristo alle genti grazie ai Magi d’Oriente che recano doni al Bambino Gesù. Nelle Pasquarelle sono presenti temi religiosi natalizi ed epifanici, cantati e raccontati con ingenuità e grande fede.

Il Torciglione,  il dolce del Natale

Non può mancare un prodotto tipico della tradizione culinaria. Per il periodo natalizio, a Norcia come in tutta la regione umbra, è rinomato il Torciglione, dolce secco, a base di mandorle, con una forma di spirale che ricorda un serpente attorcigliato. Le sue radici affondano nel mondo pagano: il serpentone umbro identifica la capacità di rigenerarsi della natura, la ciclicità dell’anno che muore e rinasce. Secondo la tradizione, le antiche popolazioni umbre della zona del Trasimeno, in occasione del solstizio d’inverno, avevano l’abitudine di preparare un dolce votivo simile fatto di mandorle e miele. In epoca medievale, le monache cappuccine di Perugia avevano interpretato questa ricetta identificandovi il serpente dell’Apocalisse schiacciato dal tallone della donna vestita di luce. Tagliare e mangiare una fetta di torciglione significava, quindi, sconfiggere il male.

Natale 2020 a Norcia, il programma completo degli eventi

Ad oggi, il permanere dell’emergenza Covid-19, impedisce di programmare e organizzare eventi per il periodo natalizio.

Pasta alla norcina, la ricetta originale, tra storia e curiosità

La salsiccia e la ricotta fresca non sono solamente due prodotti fondamentali della gastronomia nursina, ma anche i due ingredienti principali della Pasta alla Norcina. Un piatto simbolo dei sapori e del sapere culinario della comunità di Norcia. Da impreziosire con una spolverata di tartufo nero pregiato.

L’autenticità della Pasta alla norcina, simbolo della tradizione contadina

L’arte della lavorazione del maiale è da sempre al centro della tradizione gastronomica di Norcia.  Il mestiere del “norcino”, ovvero di colui che è specializzato nelle tecniche di lavorazione e stagionatura delle carni, nasce infatti nel lontano XII secolo, quasi mille anni fa. Ma nel nostro territorio si praticava la conservazione del suino già dai tempi dei Sabini.

Per capire il perché di questa straordinaria tradizione basta vedere la morfologia del territorio nursino. Le montagne che cingono Norcia, la rigidità del clima invernale, la difficoltà dell’agricoltura e la lontananza dalle principali vie di comunicazione principali che collegano l’Umbria con le altre regioni italiane, hanno da sempre spinto le popolazioni locali a praticare l’allevamento e, soprattutto, a specializzarsi nella conservazione delle carni.

Una delle protagoniste di questa tradizione è sicuramente l’unica e inimitabile salsiccia di maiale, che dà nome e sostanza alla pasta alla norcina, il primo piatto più famoso della generosa cucina nursina. Le nostre salsicce si distinguono soprattutto per la qualità delle materie prima, la scelta delle parti migliori del maiale, che generalmente sono quelle più magre che derivano dalla spalla e dal coscio.

La tradizione delle salsicce di Norcia

L’altro ingrediente essenziale di questo gustoso primo piatto è la ricotta fresca di pecora, che dona alla pasta gusto e cremosità. Con la modernizzazione della ricetta, viene spesso sostituita dalla panna, capace in effetti di dare al piatto la stessa consistenza ed equilibrio tra sapori. Tuttavia, è importante chiarire che la ricetta tradizionale consiglia appunto l’uso della ricotta fresca di pecora accompagnato dal parmigiano.

Per i più golosi, poi, è possible impreziosire il tutto con tocco di profondità ed eleganza: una spolverata di tartufo nero pregiato. Le pepite d’oro nero sono un’altra espressione autentica della nostra terra, infatti il tartufo nero pregiato cresce così solamente nei boschi dei Monti Sibillini.  È il prodotto che più di tutti ha reso famosa la nostra cucina dentro e fuori dall’Italia. Anche per questo, ogni anno gli dedichiamo l’imperdibile Mostra mercato “Nero Norcia”.

Tartufo nero pregiato, l’oro di Norcia

Come preparare l’autentica Pasta alla norcina

Di seguito gli ingredienti e i consigli per la preparazione dell’autentica e tradizionale Pasta alla norcina.

Il tipo di pasta può variare in base ai gusti e allo stile di chi cucina, generalmente si usa una pasta corta come le mezze maniche o le penne, ma non è da escludere anche l’uso di pasta lunga, come gli spaghetti per esempio.

Ingredienti per 4 persone

  • 350 grammi di pasta
  • 300 grammi di salsiccia
  • qb. di tartufo
  • 200 gr di Ricotta fresca (o in alternativa 200 ml di panna liquida)
  • ½ cipolla
  • qb sale
  • qb pepe
  • una tazzina di vino bianco
  • qb olio di oliva
  • qb. aglio
  • parmigiano

La preparazione

In una casseruola, mettere a scaldare un po’ di olio, con aglio e cipolla. Poi si può partire. Cominciamo dalla salsiccia, che va sbriciolata e rosolata nella casseruola con l’olio extra vergine, l’aglio e la cipolla, a fuoco vivace, fino a farla dorare. Una volta rosolata la salsiccia, bisogna aggiungere la ricotta fresca di pecora (o in alternativa la panna) insieme a dell’acqua di cottura e, pochi secondi dopo, è consigliabile aggiungerci una manciata di parmigiano.

Quando la pasta (messa intanto a cuocere) è pronta, va scolata e aggiunta alla casseruola contenente il sugo della salsiccia. Va fatta mantecare bene, prima di riversarci sopra l’eventuale aggiunta di tartufo. Piccolo consiglio da “nursini”, il tartufo non mettetelo a credo, ma cuocetelo a fiamma lenta insieme ad un po’ di olio. Così sprigionerà il suo meglio, sia in termini di odore che di sapore.

Ovviamente per una pasta alla norcina in grado di competere con quella dei cuochi del nostro borgo è determinante la qualità della materia prima, ma anche l’esperienza nei vari passaggi della preparazione. Tuttavia, con queste piccole accortezze che vi abbiamo illustrato e seguendo questi facili consigli, sarete in grado di cucinare una Pasta alla norcina all’altezza della sua grande tradizione.

L’elenco dei migliori ristoranti dove mangiare a Norcia

Completato il passaggio di consegne della Proloco Norcia, inizia l’era Fares

Passaggio delle consegne completato alla Pro-Loco di Norcia. Il Presidente Giuseppe Fares e il nuovo consiglio direttivo hanno assunto con entusiasmo e passione il compito che li attende in questo particolarissimo momento che, nella città di San Benedetto, vede sovrapporsi all’emergenza terremoto e l’emergenza da Covid-19.
“La Pro Loco – afferma il presidente Fares – oggi più che mai riveste un ruolo importante per coadiuvare e promuovere il territorio a livello locale ma è anche un importante volano ed un punto focale per la nostra città: dovremo darci molto da fare per organizzare e cogliere al meglio le opportunità che si prospettano per il rilancio turistico del capoluogo, delle sue frazioni e delle numerose ricchezze ambientali, gastronomiche, spirituali, storico-artistiche. Dobbiamo però, prima di tutto crederci: serve il contributo di tutti, serve un gioco di squadra”.
Il nuovo Direttivo, formato da Gabriele Boccolini (vice-presidente e tesoriere), Riccardo Baldini (segretario), Maria Cristina D’Abbraccio, Franca della Mora, Fabio Filippi, Paola Marini – vede la rappresentanza di varie realtà cittadine: ci sono esponenti dell’ex Pro Loco, imprenditori, insegnanti, casalinghe, commercianti, pensionati. Gran parte dei componenti del direttivo e lo stesso Presidente, appartengono, a loro volta, ad altre associazioni turistico, sportivo – culturali di cui è ricco il territorio nursino. Questa variegata composizione è di buon auspicio per dialogare con tutte le realtà cittadine, per raccoglierne le istanze e soprattutto ricreare un clima unitario e di forte collaborazione. A tutti i componenti del Consiglio sono stati affidati specifici settori di attività ed incarichi organizzativi e tutti sono determinati e fortemente impegnati per fornire il loro apporto.
“La Pro Loco – continua Fares – potrà essere uno strumento di forza e di rinnovamento, un catalizzatore di idee e di progetti da portare avanti, se lo vorrà, in collaborazione con l’ Amministrazione comunale, che auspichiamo possa essere aperta ad ascoltare le istante e le proposte finalizzate a portare in alto il nome di Norcia, nel campo turistico e non solo”.
Di seguito le priorità individuate dal Presidente Fares e dal Consiglio direttivo:
  • Incontro con l’Amministrazione Comunale
Nei prossimi giorni la Pro Loco chiederà un incontro all’Amministrazione comunale per valutare le attività che potranno essere realizzate insieme anche se, all’indomani dell’elezione del nuovo consiglio direttivo, il Sindaco Nicola Alemanno, senza darne alcun avviso, ha emesso un’ordinanza che, di fatto, ha revocato all’associazione l’autorizzazione per l’utilizzo del Centro di Commercializzazione di Via Solferino dove, peraltro, seguitano ad operare il Centro Anziani e la Banda cittadina nonostante si tratti dello stesso edificio che dovrà essere oggetto di lavori di ristrutturazione.
Dall’amministrazione comunale la Pro Loco si attende risposte concrete e, in particolare, se è in grado di fornire una soluzione alternativa per il ricovero dei materiali dell’Associazione ma anche di uno spazio adeguato che possa consentire alla popolazione, in questo particolarissimo momento di necessità, dove tutte le strutture pubbliche sono inagibili, di potersi riunire, di incontrarsi e svolgere attività di tipo sociale e culturale. La Pro Loco, poi, ha necessità di sapere le risorse economiche su cui contare per organizzare le prossime attività e quelle del prossimo anno.
E’ chiaro che, senza un po’ di certezze che, necessariamente, dovranno arrivare in primo luogo dall’amministrazione comunale, l’associazione, con le modeste risorse di cui dispone, non potrà essere nelle condizioni di poter organizzare attività di una certa rilevanza anche se verranno verificate tutte le possibilità di accesso ai fondi regionali e/o comunitari e a fondi specifici destinati al “rilancio Italia post-pandemia”.
  • Incontro con associazioni ed enti presenti sul territorio
La Pro Loco di Norcia si pone anche l’impegnativo obiettivo di fungere da collante tra la moltitudine di enti ed associazioni presenti nel territorio, con tutti i cittadini, i commercianti, gli operatori turistici e le associazioni culturali, sportive e ricreative. A breve verrà calendarizzato un appuntamento con tutte le associazioni per concordare gli impegni e le iniziative nell’anno 2021. L’auspicio è che si apra veramente una stagione nuova, fatta di disinteressato entusiasmo e collaborazione e che veda la partecipazione di tutte le associazioni presenti in città ma anche di tanti privati cittadini.
Il nuovo Consiglio, infatti, sarà aperto a valutare proposte costruttive di collaborazione, da qualsiasi parte esse pervengano. Si impegna altresì a gestire l’associazione in completa autonomia, senza condizionamenti di sorta.
  • I soci
Altro obiettivo importante è quello di incrementare il numero dei soci – attualmente 250 – perché questa è la vera forza di un’associazione di volontariato che ha a cuore il bene della città e del territorio
  • Comunicazione
La Pro Loco dispone di modestissime risorse informatiche ed in tempi brevi sarà assolutamente necessario implementare queste risorse, aggiornarle e rendere veramente efficaci tutti gli strumenti di comunicazione social (sito internet, FB, IG, ecc. ) per agevolare lo scambio di informazioni con l’utenza interessata, soprattutto quella proveniente dall’esterno del nostro territorio o dall’estero.
  • Punto informativo e prime iniziative
L’Associazione, oltre al prioritario obiettivo di tenere aperto un punto informativo per i turisti, può già prevedere varie iniziative (tra queste, compatibilmente con le difficoltà legate al rispetto delle norme Covid-19: il Natale Nursino e le festività di fine anno) ma è ovvio che la decisione su cosa attuare sarà strettamente legata alla copertura economica e quindi ai contributi comunali e regionali.
«Ora che le consegne sono state completate – conclude il Presidente della Pro-Loco Giuseppe Fares – desidero ringraziare chi ci ha preceduto e in particolare l’ex presidente Domenico Rossi, per l’impegno e la disponibilità profusa per la promozione turistica della nostra città.».
Porta Romana Norcia

Estate a Norcia, tutti gli appuntamenti e gli eventi dell’estate nursina 2020

Come ogni anno, durante i mesi estivi, Norcia regala il meglio di sé a cittadini e turisti. Sia che si tratti di una vacanza lunga, sia che si tratti di un breve weekend o di una gita, la nostra città è pronta a farti scoprire tutte le sue bellezze. Cosa fare e cosa vedere puoi leggerlo nella nostra pagina dedicata (eccola!). Qui sotto invece troverai il programma degli appuntamenti e degli eventi dell’Estate nursina: music, escursioni, giochi per adulti e bambini, degustazioni, spettacoli teatrali e molto altro. Da giugno a settembre 2020, un calendario ricco e variegato. Ti aspettiamo!

Organizza la tua vacanza a Norcia con i nostri consigli – La Guida completa

Estate a Norcia, tutti gli eventi del 2020

+++ Programma in aggiornamento +++

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito, tranne nei casi espressamente indicati.

VUoi avere un’idea della ricchezza dell’Estate Nursina. Scarica il programma del 2019

Gli eventi di luglio

23 – 26 luglio – Marcia solidale delle terre mutate

Mercoledì 29 luglio – Norcia Economic Forum – Piazza San benedetto – Ore 21

Gli eventi di agosto

Sabato 1 agosto – Su con la vita – Spettacolo teatrale – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Domenica 2 agosto – Duke Ellington’s Sacred Concert – Perugia Big Band – Piazza San Benedetto – Ore 21

Lunedì 3 agosto – Il Marchese del Grillo – Cinema all’aperto – Piazza San Benedetto – Ore 21

Mercoledì 5 agosto – Sei un Myto – Spettscolo con attori e grandi pupazzi – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Giovedì 6 agosto – Marcia solidale nelle terre mutate con asini e muli – Trekking

Venerdì 7 agosto – Concerto omaggio a De Andrè – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Sabato 8 agosto – Tribute a Rino Gaetano – I Sei Ottavi – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Domenica 9 agosto – Torneo di Briscola – Piazza San Benedetto – Ore 21

Lunedì 10 agosto – A Star is Born – Cinema all’aperto – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Martedì 11 agosto – Hansel e Gretel – Spettacolo con attori e grandi pupazzi – Piazza San Benedetto – Ore 21

Mercoledì 12 agosto – Antonio Ballarano Swing Band – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Giovedì 13 agosto – Daniele Silvestri in concerto – Frazione di Cortigno (Monte Sella) – Ore 16,15

Giovedì 13 agosto – DeeRadio – Spettacolo Musicale – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Venerdì 14 agosto – Riccardo Rossi in “Così Rossi che più Rossi non si può” – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Sabato 15 agosto – Simone Cristicchi – Abbi cura di me Tour 2020 – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Domenica 16 agosto – Il re degli ignoranti – Celentano Tribute Show – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Lunedì 17 agosto – Fiera di Sienti ‘n può – Porta Ascolana – 8-14

Martedì 18 agosto – The legend of Ennio Morricone – Symphony Orchestra – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Mercoledì 19 agosto – Serata dell’amicizia – Piazza San Benedetto – Ore 20

Giovedì 20 agosto – Serata dell’amicizia – Piazza San Benedetto – Ore 20

Venerdì 21 agosto – Toro Ferdinand (Film di animazione) – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Sabato 22 agosto – Golfo Mistico Live – Samuel (Subsonica) in concerto – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Domenica 23 agosto – Jovanotti Fortunati – Tribute Band – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Lunedì 24 agosto – Miss Bellissima 2020 – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Martedì 25 agosto – Green Book – Cinema all’aperto – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Mercoledì 26 agosto – La Gabbianella e il Gatto – Spettacolo con attori e pupazzi – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Venerdì 28 agosto – Due tenori e un violino – Concerto di musica classica – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Gli eventi di settembre

Mercoledì 2 settembre – Orchestrina per le vie di Norcia – Marcia solidale del Jazz italiano – Vie del centro storico – Ore 18,30

Mercoledì 2 settembre – Francesco Bearzatti Quartet “Tinissima” – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

Mercoledì 9 settembre – Concerto da Roma a Hollywood – Piazza San Benedetto – Ore 21,30

 

Organizza la tua vacanza a Norcia con i nostri consigli